I libri che ho letto negli ultimi 10 anni (2008–2017)

Dieci anni sono tanti. Nel gennaio 2008 avevo appena compiuto 23 anni, mi ero laureato in matematica da sei mesi, e avevo appena deciso di cambiare completamente campo di studi, entrando nel mondo delle biblioteche digitali. Stavo per partire per un master fra Oslo, Tallinn e Parma, e avrei iniziato a lavorare, qualche anno dopo.Continua a leggere “I libri che ho letto negli ultimi 10 anni (2008–2017)”

La forma della Biblioteca di Babele

L’universo (che altri chiama la Biblioteca) si compone d’un numero indefinito, e forse infinito, di gallerie esagonali, con vasti pozzi di ventilazione nel mezzo, bordati di basse ringhiere. Da qualsiasi esagono si vedono i piani superiori e inferiori, interminabilmente. La distribuzione degli oggetti nelle gallerie è invariabile. Venticinque vasti scaffali, in ragione di cinque perContinua a leggere “La forma della Biblioteca di Babele”

Gli spammer virtuosi

Non vedo l’ora che gli ebook siano un fenomeno di massa, che i Kindle in spiaggia siano più comuni delle settimane enigmistiche, che la gente si faccia prestare per mail dai colleghi i romanzi per il mare. Sarà più facile fare le catene di sant’antonio con allegati finti libri, che c’è il tormentone di ogniContinua a leggere “Gli spammer virtuosi”

xkcd, o del genio

Qualcuno dovrebbe farla, un giorno, un’edizione critica dei lavori di xkcd, uno studio di passioni ossessioni e temi, della scienza che ci sta sotto, dell’ironia leggera. Perchè, quello che non si trova da nessun’altra parte (a livelli di eccellenza così alti), è l’equilibrio fra intelligenza nerd (pedante, infantile, sofferta, acutissima) e la bella, sincera, straordinaria, disarmanteContinua a leggere “xkcd, o del genio”

Cose del perchè questo blog è vuoto

E’ un sacco che non scrivo su questo blog, e un po’ mi dispiace, sto addirittura lasciando andare un po’ Wikisource (credo che sia la prima volta in 6 anni (la chiamano crisi del settimo anno)(credo)), ma allo stesso tempo ci sono due progetti, belli e impegnativi, che seguo/faccio. In uno, faccio il conduttore perContinua a leggere “Cose del perchè questo blog è vuoto”