Costruire comunità: le biblioteche digitali partecipative nell’epoca di Wikipedia

Vorrei, provocatoriamente, partire da qui: “La missione dei bibliotecari consiste nel migliorare la società facilitando la creazione di conoscenza nelle comunità di riferimento”. Questa è la missione dei bibliotecari secondo David Lankes, studioso americano che l’ha illustrato le sue tesi nell”Atlante della biblioteconomia moderna“. Sono stato fra i traduttori del volume (assieme a Enrico Francese, […]

Continua a leggere "Costruire comunità: le biblioteche digitali partecipative nell’epoca di Wikipedia"

Wikisource, biblioteca digitale wiki

L’articolo è uscito, in una versione leggermente diversa, l’ottobre scorso sul numero 9 di VeDo, rivista della rete bibliotecaria veneziana. Abstract Wikisource è una biblioteca digitale collaborativa, volontaria, libera e gratuita. Wikisource offre ai lettori testi di pubblico dominio o rilasciati con licenze libere (come CC-BY e CC-BY-SA). Ogni Wikisource è, come Wikipedia, organizzata per […]

Continua a leggere "Wikisource, biblioteca digitale wiki"

Serendipity e Wikipedia

(intervista fatta quest’estate a Wikimania, si parla di belle cose nerd (serendipity, Wikipedia, Wikisource), il mio accento fa schifo, secondo me fa ridere).

(dentro c’è una citazione, che fa riferimento a questa vignetta di xkcd, e un po’ anche a questa (anche se io ne ricordavo un’altra (che non trovo adesso))( ma poi c’è anche questo video del TED)(scopro adesso che in riferimento alla seconda vignetta Wikipedia ha anche una pagina apposita)(la serendipity è un fottuto buco nero)).

Continua a leggere "Serendipity e Wikipedia"

Cattedrali digitali

E’ una roba un po’ strana, ma succede che la Wikimedia Foundation fa un po’ di interviste in giro a wikipediani, da tempo, secondo me è una cosa carina (è una cosa carina vedere le persone dietro a wikipedia), e niente, a farla breve, hanno intervistato anche me.

Continua a leggere "Cattedrali digitali"