Freeman Dyson, How we know

Jimmy Wales hoped when he started Wikipedia that the combination of enthusiastic volunteer writers with open source information technology would cause a revolution in human access to knowledge. The rate of growth of Wikipedia exceeded his wildest dreams. Within ten years it has become the biggest storehouse of information on the planet and the noisiestContinua a leggere “Freeman Dyson, How we know”

L’ eroe oscuro dell’età dell’informazione

Mi è difficile trovare parole per un libro del genere, dire quanto mi sia entrato nel profondo, (esaminare) quanto ha modificato la mia visione del mondo, (misurare) quanto ha dato senso e giustizia a pensieri che mi portavo dietro da anni. Estremamente personale, dunque (quindi non necessariamente replicabile), questo libro è un’avventura intellettuale come ceContinua a leggere “L’ eroe oscuro dell’età dell’informazione”

Benoit Mandelbrot, eroe segreto della scienza.

E’ morto Benoit Mandelbrot. Al primo Festival della Matematica romano, nel 2007, si aggirava intimidito dalla folla, camminando con lo sguardo fisso a terra, seguendo la direzione delle piastrelle, attento a non toccare i bordi, come i bambini. Almeno, così mi parve. Non voglio dimenticare il boato di applausi e grida che lo accolse sulContinua a leggere “Benoit Mandelbrot, eroe segreto della scienza.”

Inglese, cibernetica e fantasmi

E’ qualche tempo che penso spesso all’importanza di avere per lingua madre una lingua rilevante, una lingua che possieda una propria letteratura, anche e soprattutto un letteratura scientifica, accademica. I madrelingua inglese, tanto per fare un esempio topico: non devono sforzarsi a parlare una lingua non loro, sono gli altri che si adeguano al loroContinua a leggere “Inglese, cibernetica e fantasmi”