L’ eroe oscuro dell’età dell’informazione

More about L' eroe oscuro dell'età dell'informazione
Mi è difficile trovare parole per un libro del genere, dire quanto mi sia entrato nel profondo, (esaminare) quanto ha modificato la mia visione del mondo, (misurare) quanto ha dato senso e giustizia a pensieri che mi portavo dietro da anni. Estremamente personale, dunque (quindi non necessariamente replicabile), questo libro è un’avventura intellettuale come ce ne sono poche, ed allo stesso tempo un tour de force emotivo straziante: perchè (mi pare,) è impossibile non amare l’uomo Norbert Wiener, così eccentrico e geniale e fragile, ed è impossibile non amare le sue idee, l’ambiente che avevano contribuito a creare, lo straordinario evento scientifico che hanno rappresentato.
Impossibile pure sopportare con leggerezza le tragedie, umane e scientifiche, che sono, terribilmente, la vera spina dorsale del libro, e che spiegano (anche se solo parzialmente) l’oblio che Wiener uomo e scienziato (assieme ad altri uomini e donne, scienziati e non) affronterà dopo la morte.
A fidarsi (e lo faremo) degli autori (marito e moglie) ci sono dodici anni di preparazione e otto di redazione che separano l’idea dal libro compiuto, e la cosa non stupisce più di tanto. La simpatia (l’amore, si può dire? lo diciamo) per Wiener, le sue idee e le persone che stavano attorno a lui traspare ad ogni pagina, ed è giusto così.

Questa è una biografia appassionata dell’ascesa ed il declino di un modo di pensare il mondo, dell’ossessione delle “cose basilari”, della nascita di uno sguardo che ha oramai cambiato nome e non riconosciamo più, anche se è dappertutto. La cibernetica si è infilata in ogni pertugio (medicina, fisica, biologia, scienze sociali) ed è con altri nomi che adesso guardiamo all’intelligenza artificiale, neuroscienze, robotica, scienze cognitive e complessità.

E se la parola cibernetica ha perso completamente il suo senso originale (tanto da essere pasteggiata da Ufo Robot, che la mangiava a libri(?) (giustamente, riconosciamo, contornando con insalata di matematica (che è l’accompagnamento necessario)), ripercorrerne la storia, che è la storia di suo padre, è dovuto.

Uno dei più belle storie d’amore per la scienza che abbia mai letto.

Pubblicato da aubreymcfato

Digital librarian, former president of Wikimedia Italia.

One thought on “L’ eroe oscuro dell’età dell’informazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: