Wiki Loves Monuments a Che Fare

[questa è un’altra marketta] Voi lo sapete, perchè ne abbiamo già parlato di Wiki Loves Monuments. E se non lo sapete, posso dirvi che il progetto è stato fantastico, che ci siamo divertiti un casino, che abbiamo dormito poco (soprattutto la nostra project manager Emma), che siamo rimasti sconvolti dalla quantità di persone che hanno […]

Continua a leggere "Wiki Loves Monuments a Che Fare"

Postille

Virginia scrive questo bel post sull’incontro di venerdì, dice tutto lei (quindi leggetelo), io aggiungo solo un paio di postille, che mi pare interessante. Davoli parla di “diritti all’eccezione della libertà intellettuale“, e tutte le parole mi paiono fondamentali. Siamo (dovremmo essere), in un regime di conoscenza aperta, open by default: conoscenza libera di base, se vuoi […]

Continua a leggere "Postille"

Biblioteche e open access

Mi sono sempre scordato di farlo (eh), ma dato che ogni tanto qualcuno passa qui perchè si parla di biblioteche (digitali) e di open access, con Wikimedia Italia abbiamo tirato su due belle mailing list dedicate: (appunto) open access e bibliotecari. Sono belle e divertenti, secondo me, e un piccolo (fresco) spazio di discussione fra gente wiki e […]

Continua a leggere "Biblioteche e open access"

Freeman Dyson, How we know

Jimmy Wales hoped when he started Wikipedia that the combination of enthusiastic volunteer writers with open source information technology would cause a revolution in human access to knowledge. The rate of growth of Wikipedia exceeded his wildest dreams. Within ten years it has become the biggest storehouse of information on the planet and the noisiest […]

Continua a leggere "Freeman Dyson, How we know"