Jorge Luis Borges, Il sonno

La notte impone a noi la sua fatica magica. Disfare l’universo, le ramificazioni senza fine di effetti e di cause, che si perdono in quell’abisso senza fondo, il tempo. La notte vuole che stanotte oblii il tuo nome, i tuoi avi ed il tuo sangue, ogni parola umana e ogni lacrima, ciò che potè insegnarti […]

Continua a leggere "Jorge Luis Borges, Il sonno"

Georges Perec, La vita istruzioni per l’uso – Capitolo LXXVI

A volte immaginava che lo stabile fosse un iceberg con la parte visibile costituita dai piani e i sottotetti. Al di là del primo livello delle cantine sarebbero allora iniziate le masse sommerse: scale dai gradini sonori che scendessero girando su se stesse, lunghi corridoi piastrellati con globi luminosi protetti da reti metalliche e porte […]

Continua a leggere "Georges Perec, La vita istruzioni per l’uso – Capitolo LXXVI"

Don Milani, Un muro di foglio e di incenso

A Nicola Pistelli, direttore di “Politica”, Firenze Barbiana, 8 agosto 1959 Caro Nicola, l’opinione pubblica attribuisce ai cattolici di destra lo strano privilegio d’apparire quelli che viaggiano sul sicuro, saldamente agganciati alla roccia della Chiesa. Voi invece quelli della zona pericolosa sull’orlo del precipizio. Le cose non sono così semplici. La via che conduce alla […]

Continua a leggere "Don Milani, Un muro di foglio e di incenso"

Alan Moore, Sangue dalla spalla di Pallade Atena

l testo seguente è tratto dal Giornale della Società Ornitologica Americana, autunno 1983. SANGUE DALLA SPALLA DI PALLADE ATENA di Daniel Draiberg Mi chiedo se studiando un uccello attentamente, osservando e catalogando le sue caratteristiche in ogni minimo dettaglio, si possa finire per farlo diventare invisibile. E’ possibile che mentre si misura meticolosamente la sua […]

Continua a leggere "Alan Moore, Sangue dalla spalla di Pallade Atena"

Cristina Campo, Sensi soprannaturali

Chi si accosta, attratto e atterrito, ai recinti sacri delle vie del secolo, due angosce complementari, sempre le stesse, lo afferrano. Il terrore di “perdervi” i suoi cinque sensi (poiché, implicitamente o esplicitamente, gli fu insegnato che non possiede nient’altro) e, all’inverso, il timore di rimanere troppo carnale in quei recinti. Che l’intimità col divino […]

Continua a leggere "Cristina Campo, Sensi soprannaturali"