Georges Perec, La vita istruzioni per l’uso

Ci sono libri pesanti, che fanno pagare ogni pagina. Libri gravidanza, quasi sempre, in cui la ricompensa vale la fatica. In questo caso, gravidanza per il lettore, gravidanza di sette anni per l’autore. Per me, La vie, mode d’emploi è stata un’intera estate di cesello quotidiano dell’occhio, un lento corpo a corpo con il tedio,Continua a leggere “Georges Perec, La vita istruzioni per l’uso”

Georges Perec, La vita istruzioni per l’uso – Capitolo LXXVI

A volte immaginava che lo stabile fosse un iceberg con la parte visibile costituita dai piani e i sottotetti. Al di là del primo livello delle cantine sarebbero allora iniziate le masse sommerse: scale dai gradini sonori che scendessero girando su se stesse, lunghi corridoi piastrellati con globi luminosi protetti da reti metalliche e porteContinua a leggere “Georges Perec, La vita istruzioni per l’uso – Capitolo LXXVI”

Visione

Guarda a tutt’occhi, guarda. Jules Verne D’inverno penso che gli alberi, con le loro grinfie, trattengano il cielo dal volare via da noi. E’ un pensiero inquietante. Non mi succede d’estate, quando non ci sono geometrie di ghisa a suddividere l’azzurro, ma soltanto innumerevoli particelle di verde che vibrano e ondeggiano, polmoni estroflessi al sole,Continua a leggere “Visione”