MLOL Plus: una rivoluzione?

BiblioMediaBlog

Dal 31 ottobre MediaLibraryOnLine ha lanciato MLOL Plus: un servizio per i lettori di ebook radicalmente nuovo, frutto di un lungo e proficuo lavoro di progettazione e di confronto tra bibliotecari, editori e distributori.

L’idea alla base del progetto è quella di offrire agli utenti delle biblioteche (e non solo) un servizio potenziato e ampliato, a pagamento, che vada a finanziare il budget dei sistemi bibliotecari per l’acquisto di contenuti digitali destinati al servizio base MLOL, che continuerà a funzionare esattamente come prima. Si applica quindi il modello “freemium, diffusissimo nel mercato digitale: un ristretto numero di utenti sceglie di pagare per un livello avanzato di servizio, e questo consente di potenziare l’offerta del livello base gratuito per tutti. Le biblioteche infatti saranno le destinatarie del 65% del budget ricavato dalla sottoscrizione del servizio MLOL Plus da parte di utenti residenti nel territorio di riferimento…

View original post 1.117 altre parole

Reading as sharing

Few days ago, Craig Mod, wrote a piece about his reading habits, about how digital ebooks got him excited for years, and then he slowly came back on paper. Craig’s critics to ebooks, to the whole ecosystem of digital books, are completely reasonable. If we have to rely on Amazon’s Kindle for storing our books, our notes, our clippings, we are right to be unexcited, and even worried. The ebook ecosystem is as closed as the web is open. Ebooks are not preserved, are often not owned (but licensed), we are still experimenting with business model in digital lending. The majority of libraries in the world don’t know how to preserve ebooks, or how to lend them. Publishers are worried, and few try to innovate. It’s not really news that the modern web has taken different paths from the vision of pioneers like Douglas Engelbart, J.C.R. Licklider, or Ted Nelson.

We’re incredibly far from the revolution which we were promised. We were promised the Memex. We were promised Xanadu. Nowadays, dreams of Borgesian-like digital libraries evaporate in sight of copyright laws, market disinterest, technology issues, publishers resistance.


Still, the bright side is that we are at the dawn of digital reading. Not all is lost, fellow readers. There are few tools which can help us. They are not an ecosystem, they are steps in the right direction. An ecosystem emerges when enough relationships are there: when you enough tools in a room, you call it a laboratory.

Clippings.io is one of these tools. Very simply, you can upload your Kindle clippings and annotations and have them online. You can export them, connect the account to Evernote, share on socials, edit them.

As much as I love it, the website is clearly beginning to tap the whole potential of digital text. I then decided to take the thing one step further.

Say hello to Babele.io (yes, I’m a bit Borges-obsessed, nevermind). Babele.io is a Jekyll-based GitHub website, but that’s not the most important part (well, it is as you can look at the code, collaborate with others, have it both offline and online).

What I do is simple: I export my notes with clippings.io, then I mark them up in Markdown, adding a little line of code to make every quote a permalink. Then I publish.

Thus, what I have is a online repository of quotes I clipped while reading, and I can link each one of them, with page number and Kindle locations.

For example:

Out of Nelson’s discombobulation was born one of the most powerful designs of the 20th century. And Xanadu’s goals — a universal library, a global information index, and a computerized royalty system — were shared by many of the smartest programmers of the first hacker generation.

I use this as a personal weaponry of rational arguments to be used in in Facebook flames and general discussions.


We can now read on a device, clip while we read, put those clippings online as references. Aside of a quick, easy, few clicks procedure, what’s really missing?

As a wikimedian, I’m very interested in sharing knowledge. What I like the most about the web is that it’s a huge, and hugely complex, sharing platform. I love the simple fact that something I write can be helpful to others. But writing is hard: either on Medium or a blog or an article on Wikipedia, writing require time, skills, effort, commitment.

In economic terms, the knowledge sharing economy has high transaction costs. Wikipedia lowered the barrier enough to become the biggest collective achievement of the all history, but writing Wikipedia is not really easy.

I think the next big thing will be making reading a sharing act.


In 2013, I co-mentored a Google Summer of Code project for an annotation tool for Wikidata. The idea was simple enough: you are the web, reading an article on the New York Times. You find simple fact, as “Barack Obama was born in Honolulu.” You highlight the sentence, and the system recognizes the word “Barack Obama”, “was born”, “Honolulu”. The system reconciles these words with their Wikidata pages, and you confirm that those are the right pages. You click on Save, and the statement “Barack Obama was born in Honolulu” becomes a sentence translated in data, becomes understandable by a computer. Automatically, Honolulu becomes “place of birth” for the item “Barack Obama”, and all the Wikipedia in the world benefit from this piece of data, provided by a statement referenced by the New York Times.

As always, the devil is in the details, technology is not magic, a

nd the prototype is still incomplete (if you have love to give, take a look here).

But the idea is still powerful. Incredibly talented people are working on annotations (hypothes.is), while some good projects failed in the past (Findings). Medium itself is doing an amazing work with highlights and comments and sharing.

What I really hope is that “business models” won’t forget open ecosystems, integrated with other open ecosystems like Wikipedia or Wikidata. This is, to me, a revolution yet to come, because it’s hard. But what if you could have a “Share on Wikipedia” button, as you have Facebook or Twitter buttons? What if we could have other open, collaborative platforms which store facts and quotes and references? What if we could link those facts with each other, creating logic paths for discussion and arguments? What if we could feed readers (both human and artificial) on these knowledge bases? Data is only the first step. Arguments, stories are next. Knowledge is interconnected information stored in people’s brain. We still need to figure out how to tap that in a really easy way. Making reading a sharing act could be the right direction.

Il vero problema con Roberto Saviano

Roberto Saviano è un ragazzo che ha tutta la mia comprensione, affetto e stima. Perchè ha scritto un grande libro (Gomorra, ZeroZeroZero non l’ho letto), perchè si è preso la responsabilità delle sue parole, perchè le paga tutti i giorni.

Ma, come scriveva Christian Raimo due anni fa su Linkiesta, è diventato la parodia di sè stesso. O meglio: è diventato maniaco: della mafia, di sè stesso, del suo impatto, della sua figura messianica e salvatrice.

Le accuse dell’articolo del Daily Beast sono difficilmente evitabili, e lo stesso Saviano ricostruisce la storia delle ripetute critiche e denunce nel suo articolo su Repubblica di oggi.

A me piace molto lo stile di Saviano: il romanzo nonromanzo, quella cosa che la leggi e non capisci se è vera o falsa o realtà travestita da letteratura o il contrario. Diceva non so dove che per scrivere la serie tv Gomorra aveva raccolto un sacco di fatti di cronaca, e li aveva riassemblati insieme per costruire storie e personaggi. Quello che scriveva era veramente successo, solo che le facce erano diverse, i nomi diversi, i dettagli diversi.

Associo questo metodo, con tutte le differenze del caso, al concetto di “verità estatica” di Herzog: il non ritenere che un “fatto” sia automaticamente una “verità”, cercare di riprodurre una verità più vera, più intima. Come Herzog, Saviano mischia le carte, confondendo cose effettivamente successe da cose inventate. In questo, ha trovato una sua cifra stilistica, rendendo efficace come un romanzo quello che sarebbe stato un insieme di fatti dati e numeri. Secondo me è uno stile straordinario, e in questo è un maestro. Il numero di copie vendute (come ben sa) gli dà ragione.

Il punto però, secondo me fondamentale, è che questo stile, questo incesto fra “fatti” e “storie”, deve essere esplicito.

Sono certo che Saviano abbia pensato moltissimo se inserire note a piè di pagina, o bibliografie, o virgolettati. Ha deciso di non farlo, perchè si sarebbe perso il suo stile, si sarebbe perso quello strano e ubiquo “Saviano personaggio”, dentro il libro, che studia, legge, parla, conosce, scopre, agisce. Perdendo quel personaggio, e la sua ambiguità fra personaggio e autore, si perde la grandezza di Gomorra (o di ZeroZeroZero).

C’è, quindi, tutta la differenza del mondo fra usare una forma letteraria per ottenere un effetto nel lettore, e poi riconoscere di averlo fatto. È la differenza fra il prestigiatore e il sensitivo, il medico e il santone.

È la differenza, ancora, fra religione e letteratura. La seconda sa di essere una finzione.

La cosa che non capisco, davvero, è che nulla gli impedirebbe (magari non nel libro ma altrove) di citare le fonti, di comporre una bibliografia, di ricostruire i fatti rispetto alle invenzioni. Soprattutto, di pagare i debiti verso gli altri. Sarebbe un enorme servizio per chiunque. Sarebbe, inoltre, corretto.

Il punto è che io credo che Saviano abbia deciso, inconsciamente, costretto dagli eventi, di diventare vittima sacrificale.

Di accettare la sua sorte, di prendersi il peso del mondo sulle spalle, di usare la parola per salvare tutti quanti. Come Simone Weil, come Gesù Cristo. Il che è umano, encomiabile, patologico e criticabile.

Perchè (e qui parlo per me) guadagneremmo un grande scrittore e un grande giornalista, evitando di avere l’ennesimo guru. Perchè proprio perchè è bravo, proprio perchè la sua parola arriva a milioni di persone, noi abbiamo il diritto (e la responsabilità?) di criticarlo quando sbaglia, di riportare l’ambiguità del suo stile ad una verifica. Perchè quello di cui parla è troppo importante.

Saviano ha una responsabilità verso i suoi lettori, solo che non è quella che crede lui. È molto più semplice, in realtà. Per sua fortuna, non abbiamo bisogno di essere salvati.

Impatto

Ne Il dio geloso dell’opensource Luca pone un sacco di domande, io vorrei provare a rispondere solo a questa:

un ente che rilascia materiali su Wikipedia, su OpenStreetMap, come può essere in grado di stare al passo dello sviluppo entrando nella comunità, mantenendo il suo ruolo nella comunità d’origine?


Se uno ci pensa, Wikipedia ha una modalità molto strana di funzionare. Le grandi opere collettive dell’umanità sono sempre state fatte per le solite ragioni: potere, soldi, reputazione. Sono i tre grandi “motivatori” degli esseri umani.

Le piramidi, come la Grande Muraglia Cinese, sono il frutto del sudore di migliaia e migliaia di schiavi. La violenza è un’ottimo modo per convincere le persone a fare le cose, e per qualche millennio ha funzionato molto bene, come incentivo.

C’è stato anche un passaggio da un potere coercitivo fisico ad un potere coercitivo mentale/spirituale: le religioni di tutto il mondo hanno raggiunto enormi risultati (guerre, crociate, ma anche il raccoglimento di enormi quantità di denaro) grazie ad un potere spirituale. Lo stesso si può dire delle grandi ideologie come il nazismo, il fascismo o il comunismo. Anche gli eserciti e il potere militare hanno funzionato bene su grandi concetti come obbidienza, servizio, patria e onore.

L’incentivo economico classico, sono, bhè, i soldi: paghi qualcuno perchè faccia qualcosa per te. Il mondo moderno funziona quasi esclusivamente grazie a questo, è forse il sistema più efficace per ottenere che un’altra persona faccia quello che vogliamo noi.

Un’altro caso interessante è la Scienza, o altrimenti detta l’Accademia: è vero che ci sono i soldi di mezzo, ma la vera moneta dell’accademia è la reputazione, tramite la citazione bibliografica dei propri articoli. La mia statura all’interno della comunità dipende dalla mia ricerca, e più precisamente da dove, da chi e da quanto io vengo citato all’interno di altri articoli scientifici, scritti da miei pari. L’economia scientifica è tutta basata su transazioni di questo tipo.

La cosa affascinante di beni comuni digitali come Wikipedia invece, è che sono

  • volontari
  • gratuiti
  • anonimi

Cioè, paradossalmente, tolgono tutti gli incentivi economici a cui siamo abituati. Una pagina di Wikipedia non è firmata (se non nella cronologia), ed è scritta in maniera gratuita, nel tempo libero di chi vuole spenderlo a scrivere enciclopedie, o anche solo condividere una piccola cosa che sa e che nessuno aveva ancora scritto lì sopra.

Il grande mondo del pubblico (il mondo di biblioteche, archivi, scuole, musei) non deve fare necessariamente profitto. Non come il privato, almeno. A loro interessano altri tipi di numeri: quanti visitatori, quanti prestiti, quanto prestigio hanno. Non che ci sia niente di male, nell’aumentare il prestigio di un’istituzione: se c’è sana competizione, spesso le persone si impegnano di più e il servizio migliora.

Spesso, però, la competizione non è sana, e l’obiettivo del prestigio adombra l’obiettivo dell’impatto. Impatto è capire a chi si sta fornendo un servizio, e cercare di migliorarlo il più possibile, renderlo più efficiente ed efficace, fornirlo a più persone possibile.

Può essere aumentare i prestiti per una biblioteca, o fornire un nuovo e apprezzato servizio di biblioteca digitale, o inventarsi un corso di alfabetizzazione informatica molto richiesto da persone che altrimenti non avrebbero saputo come accendere un computer. L’impatto ha mille facce e mille forme, ma va inseguito e contato, non è una facile preda. Bisogna contare il più possibile, e contare l’invisibile non è facile.


Quando un’istituzione si infila in un bene comune digitale, tendenzialmente (non è una colpa) utilizza vecchi schemi mentali, per cui per esempio il nome dell’istituzione stessa è molto importante, e dovrebbe sempre stare in primo piano. Allo stesso modo, se sono un museo e regalo delle fotografie di certi oggetti museali, quelle foto sono mie e gli oggetti sono miei. Se sono un archivio o una biblioteca, e posseggo un libro antico che ho digitalizzato, il libro è mio e anche i diritti sulla sua digitalizzazione. C’è una mentalità (passatemi il termine) proprietaria, molto forte.

Passare da una mentalità proprietaria ad una mentalità open non è facile. Significa, molte volte, abdicare al prestigio, per concentrarsi sull’impatto. Significa pensare molto di più a quante persone vedranno il mio oggetto digitale, in una piattaforma che non è il mio sito, piuttosto che contare le visite al mio sito.

Intendiamoci bene: capisco l’esigenza di mantenere e rafforzare un’identità, anche in un’istituzione. Anche su Wikipedia si riproducono dinamiche di reputazione fra pari. Anche Wikipedia stessa è un brand (così come lo è Wikimedia Italia). Esiste, certo, l’estremismo del sacrificio, per cui uno si spende completamente senza avere nulla in cambio. Ma non è un atteggiamento sostenibile, per un’istituzione.

Quello che è possibile, secondo me, è un equilibrio, cioè concentrarsi maggiormente sull’impatto che sul prestigio. È possibile inserire un sacco di informazioni, fotografie, libri nell’universo Wikimedia e contare le statistiche di accesso e visibilità. Significherà che magari un utente leggerà un libro su Wikisource preso dalla mia biblioteca, senza rendersi subito conto che viene dalla mia biblioteca. Ma io saprò che ho conquistato un lettore, e potrò dimostrare ai miei stakeholder l’aumento dell’impatto della mia collezione. In questo senso, l’istituzione è pienamente all’interno del bene comune digitale (Wikipedia, Wikisource, OpenStreetMap) ma in una posizione defilata. Sta alle regole del gioco open (gratuità, anonimato), ma si impegna nello sviluppare metriche che riguardino l’impatto: contare visite, analizzare la qualità degli articoli a cui ha contribuito, monitorare il numero di editor attivi in determinati argomenti di interesse.

Sicuramente, il movimento Wikimedia deve ancora fare molto per offrire, essere una piattaforma di questo tipo. Mancano ancora strumenti informatici e statistici importanti per essere da subito accoglienti con le istituzioni, facili da usare, completi di strumenti di analytics che possano servire alle stesse istituzioni per calcolare il proprio impatto.

Credo che associazioni come Wikimedia Italia potranno, in futuro, dirigere il loro sviluppo software in questa direzione, rendere l’accesso al mondo wiki più semplice e lineare. Essere facilitatori di comunità, per istituzioni, scuole e università. Le difficoltà che esprime Luca vengono dal fatto che al momento ci sono tanti strumenti diversi, spesso scollegati tra loro, gestiti da uno o due developer che non si parlano e non hanno una strategia comune.

Il punto è che rendere le cose accessibili, essere abilitanti, è un lavoro, durissimo. Che il singolo smanettone open non ha voglia di fare nel proprio tempo libero.

Anche in questo, credo, una sinergia fra mondo Wikimedia e mondo GLAM sarà importante. D’altronde, abilitare è l’obiettivo di entrambi.

Infrastrutture

bibliotecari non bibliofili!

Independence DeclarationGhana.

La Repubblica del Ghana è uno stato dell’Africa occidentale con capitale Accra. Confina ad ovest con la Costa d’Avorio, a nord con il Burkina Faso, ad est con il Togo, ed a sud con il golfo di Guinea. Il territorio della Gold Coast ottenne l’indipendenza dal Regno Unito nel 1957, diventando la prima nazione sub-sahariana a farlo. (Wikipedia)

Un paese di cui non so niente. Con una cultura e una storia delle quali non so niente. Devo persino aprire una mappa dell’Africa per capire dov’è. Lo incontro perché stamattina (o in un qualche orario del mondo) qualcuno diffonde la notizia su una lista di discussione interna che il Wikimedia Ghana Usergroup ha chiesto un grant per un progetto. Un grant in questo caso è un finanziamento che passa dalle donazioni dei cittadini di tutto il mondo alla Wikimedia Foundation (attraverso quei banner invadenti che avete visto…

View original post 775 altre parole