Un passo indietro

La realtà politica degli ultimi giorni è talmente complicata (assurda, miserabile, divertente) che forse l’unica soluzione è davvero smettere di seguirla. Leggevo Aaron, in questi giorni, e lui va oltre: smettere di leggere il giornale, perchè l’ossessione del real time ha poco senso e ci fa male. Oserei: è anche quello che vogliono, stordirci di parole e cazzate (l’IVA è al 22%, oggi ci sono più di 80 morti sulle spiagge, ma noi stiamo parlando di altro). Ne parlavamo qualche mese fa, e forse la mia convinzione di allora vacilla maggiormente. Se il rapporto rumore/segnale diventa insostenibile, forse bisogna semplicemente andare a cercare il segnale da un’altra parte (in un altro medium, in un posto dove questo rapporto è ancora a misura di orecchio).
Continuo a pensare che leggere libri faccia parte di questo andarsene altrove, in posti dove si pensa meglio.

Pubblicato da aubreymcfato

Digital librarian, former president of Wikimedia Italia.

One thought on “Un passo indietro

Rispondi a sacrivelli Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: