Il programma Open Access del Cleveland Museum of Art

Il 17 aprile, il direttore del CMA ha annunciato che tutte le immagini delle opere del museo libere da diritti saranno rilasciate in pubblico dominio (CC0), e anche tutti i metadati di tutte le opere (libere o meno). Ecco il discorso tradotto da Mirco Modolo.


Buongiorno, sono William Griswold, direttore del Cleveland Museum of Art
e sono lieto di dare il benvenuto a chi di voi è qui con noi in questo luogo
nell’Ames Family Atrium, all’ombra del nostro favoloso edificio del 1916, e a quanti ci seguono online mentre lanciamo il nuovo “CMA Open Access program”.
A partire da oggi le immagini di opere d’arte nella collezione del museo saranno a disposizione di tutti attraverso licenze CC0.

Inoltre i metadati relativi a ogni opera nella collezione saranno anch’essi universalmente resi disponibili per indicare se una stessa opera si trova nel pubblico dominio oppure è protetta da diritto d’autore.
Attraverso le licenze CC0 il museo rinuncia a qualsiasi diritto sulle immagini e sui dati in modo che un pubblico ben più vasto possa beneficiare della sua illustre collezione.
Questo è il logico ed emozionante corollario della “mission” inclusiva del nostro museo che consiste nel creare esperienze trasformative attraverso l’arte, a beneficio di tutti e per sempre.
Come custodi di una delle più grandi collezioni di arte globale al mondo
Come responsabili della conservazione di circa 60.000 opere d’arte di ogni periodo e di ogni angolo del globo abbiamo capito che era arrivato il momento di portare la nostra mission nel XXI secolo.
Se il nostro scopo è quello di rendere le collezioni museali universalmente accessibili e in forma gratuita a pubblici di tutte le età, indipendentemente dal luogo in cui vivono se il nostro obiettivo è quello di facilitare la disseminazione di nuova conoscenza se siamo impegnati nella trasparenza per promuovere la creatività e per coinvolgere le comunità sia dentro che fuori la nostra regione allora per noi non c’è quasi nulla da fare che possa avere un impatto maggiore.
Mentre ampliamo l’accesso alla collezione del museo siamo orgogliosi di contribuire alle migliori pratiche, sia per la qualità dell’immagine, sia per la ricchezza dei dati che rilasceremo.
Con il lancio di oggi noi riaffermiamo l’uso delle licenze CC0 come standard globale per l’accesso aperto alle immagini di pubblico dominio così come ai dati.
Nel compiere questo passo importante speriamo di incoraggiare altri istituti nel mondo a fornire accesso aperto al loro patrimonio e al contenuto culturale con licenze CC0.
L’accesso aperto con licenze CC0 offrirà un’infinità di nuove opportunità per interagire con le le opere d’arte e la nostra collezione.
Con questa mossa abbiamo trasformato non solo l’accesso alla collezione del museo, ma anche le prospettive di usabilità sia all’interno che all’esterno delle pareti del nostro museo.
Ovunque, dovunque e in qualunque modo si potrà usare, riusare, rielaborare o reinventare gli oggetti nella nostra collezione.
Così dovrebbe essere perché noi nel museo siamo semplicemente i custodi di questi oggetti che appartengono all’eredità artistica di tutti.
Rinnoviamo la nostra collezione online per rendere più facile per gli utenti l’accesso alle informazioni sulle opere d’arte che abbiamo il dovere pubblico di conservare e incoraggiamo chi viene qui per “catturare” le proprie immagini di opere d’arte di pubblico dominio nella nostra collezione per qualsiasi scopo, anche commerciale.
Il Cleveland Museum of Art invita infatti tutti quelli che traggono vantaggio dalle opportunità offerte dalle licenze Creative Commons a considerare che le opere d’arte che loro creano contribuiscono a formare il patrimonio culturale come bene comune di cui godiamo e che condividiamo.
Non mi rimane oggi che ringraziare i nostri partner, che hanno supportato con entusiasmo questa iniziativa.
Il loro contributo ha fornito energia dinamica per il lancio dell'”Open Access program” e ha rivelato alcuni dei modi in cui immagini e dati che abbiamo messo in pubblico dominio possono essere usati, riusati e riproposti. Ne riparleremo tra un momento.
Per ora vorrei estendere il mio caloroso apprezzamento all’intero staff del Cleveland Museum of Art e in particolare a Jane Alexander e al suo team straordinario.
Uno speciale ringraziamento si deve anche a “Creative Commons”, il cui staff e la cui comunità hanno generosamente condiviso con noi le loro competenze vorrei riconoscere il ruolo guida di Neal Stimler, così come il supporto dei nostri Trustees.
L’ingresso al Cleveland Museum of Art è gratuito ormai da molto tempo.
Ora, grazie all’open access e alle licenze CC0, l’accesso alla nostra collezione è più libero che mai.

Claustrofilia

che poi – è qualcosa di strano e poco adatto ad essere detto – una delle chimere più longeve della mia vita è stata quella di “bastarsi”: bastarsi emotivamente, affettivamente, culturalmente. La chimera, laicamente monacale, di pretendere di stare bene un po’ dovunque, ma soprattutto a casa propria, da solo. Tutti abbiamo la fantasia romantica della clausura, dell’eremita, della capanna nel bosco e dell’essere contenti di un tavolo di legno, qualche libro, una mela, una serata a guardare il fuoco. C’è un germe di claustrofilia, di amore per le mura, per la solitudine, in ognuno di noi. È una fantasia tanto ubiqua quanto falsa, perché la stragrande maggioranza di noi si romperebbe le scatole dopo pochi giorni, abituati come siamo a tutto il resto – così infrastrutturale, questo resto, da essere invisibile, come sempre è l’infrastruttura. E infatti ci siamo rotti le scatole di stare in casa nostra dopo la prima settimana di canzoni al balcone. È quindi una fantasia da tenere a bada, di cui non bisogna fidarsi, ma che, chimere di autarchia a parte, può – teoricamente – essere addomesticata: il desiderio di diventare una persona che sta bene con sè stessa è un desiderio sano, se tenuto in equilibrio. Io solo non sono, siamo una coppia con un minuscolo mammifero che ogni giorno cresce ed evolve in quello che sembra proprio essere una persona vera, ma ricordo sempre quella citazione di Pasolini che dice l’indipendenza che è la mia forza, implica la solitudine che è la mia debolezza, citazione che mi veste meno bene oggi di quanto lo faceva anni fa, in cui solo lo ero davvero; ma che comunque è una verità grande come il cielo e ci racconta le due facce, la meravigliosa e la tremenda, di quella cosa titanica che è stare con sè stessi.

E ora che il mondo intero fa praticamente la vita che io ho fatto per anni, c’è del sollievo in tutta questa preoccupazione, forse un insensato ottimismo che sia una palestra utile per tante persone, ché lottare con sè stessi è necessario, per poi farci pace, anche temporaneamente. Ammetto con un po’ di vergogna che sapere che voi (voi tutti) non facciate niente di meglio, in quell’egoistico “mal comune mezzo gaudio” così adatto ad una società di felicità competitiva (apparente o reale, ma comunque da esibire sui social network, da moltiplicare tramite appositi filtri su instagram) mi solleva, soprattutto all’approssimarsi di un’estate in cui siamo inondati dalle foto delle vacanze altrui, che siamo costretti a vedere sempre quando noi siamo a lavorare. Mal comune mezzo gaudio: se non è invidia, è la sua cugina non più simpatica. Oscillo come un pendolo fra il non poterne più – desiderare nuovamente un lavoro per cui sono costretto a vestirmi e uscire di casa e mangiare fuorib – e la segreta speranza (a cui non credo neanche un secondo, ma che è una vocina perversa sempre presente) che questa cosa duri ancora a lungo. La mia claustrofilia, così amica della mia depressione, è una bestia dura da addomesticare.

RIP my darling boy.

(più passano gli anni, e siamo a sette, più la mamma di Aaron posta sue fotografie da piccolino. Non tante, non sempre: su twitter, il giorno del suo compleanno, e ovviamente ogni maledetto 11 gennaio.
Aaron aveva 26 anni, ma via via che passa il tempo sua mamma lo custodisce, lo ricorda come è nel suo cuore, come l’ha vissuto lei, davvero, in quei momenti magici che sono per una madre i primi anni del suo primo figlio. Non l’Aaron Swartz intellettuale ed eroe che ammiriamo noi, ma quello con la faccia furbetta e birichina che giocava con i fratelli, che sorrideva alla camera di papà. È una cosa che ho notato solo dopo che è nato Tommi, e mi spezza il cuore tutte le volte.)

Immagine

Come trascrivere automaticamente un audio

Spesso capita di dover sbobinare un file audio, e a parte ottime soluzioni a pagamento, una modalità complicata ma gratis è utilizzare il sistema di sottotitoli automatici di Youtube.

I passaggi sono questi:

  1. Rendere il nostro file audio un file video. Strumenti online ce ne sono tanti, io uso questo, partendo da un mp3 (ma ci sono anche alternative). Di fatto vi chiede di scegliere un’immagine per creare un video a immagine statica. Ne va bene una a caso, tanto il video sarà privato.
  2. Caricare il nostro video su Youtube (ovviamente serve un account). Caricatelo in modalità privata, scegliete la lingua italiana, e se volete forzate i sottotitoli mettendo fra i tag “yt:cc=on“. Non so se serva davvero ma male non fa.
  3. Bene, lasciatelo lavorare, fate pure qualcos’altro e tornate dopo almeno un paio d’ore. È tipo la pasta della pizza, deve lievitare.
  4. Dentro il vostro video, dovreste avere il file pronto da scaricare in formato sottotitoli. Ovviamente è tutto da lavorare e può essere più o meno preciso (dipende molto dall’audio e dalla lingua di partenza), ma è certamente meglio che niente.

Energia solare significa meno guerre per il petrolio

Uno degli aspetti meno dibattuti – incredibilmente – dell’energia solare è quanto sarebbe importante e rivoluzionaria per l’economia e geopolitica mondiale. Negli ultimi 80 anni abbiamo visto affermarsi un’economia completamente basata sui combustibili fossili, con il dominio incontrastato del Medioriente arabo per il petrolio e la Russia per il gas. L’America ha estratto il proprio petrolio e si è andata pure a prendere quello che gli serviva qua e là, senza disdegnare guerre ventennali a cui tutti oramai siamo abituati. Il numero di morti dell’attuale economia petrolifera è dunque incalcolabile: non solo perché è impossible determinare precisamente quanti morti fa l’inquinamento, o quanti ne farà il riscaldamento globale, ma perché se contiamo anche le guerre (e dovremmo) il numero si alza vertiginosamente.

Il petrolio è una risorsa scarsa, per cui se non ce l’hai lo devi prendere da qualcun altro. Guardando alla definizione presente su Wikipedia, credo si possa ritenere il petrolio a tutti gli effetti come un bene privato, perché il costo della sua estrazione e trasformazione lo rendono sia rivale che escludibile:

  • Rivalità nel consumo – il consumo di un bene da parte di un individuo implica l’impossibilità per un altro individuo di consumarlo allo stesso tempo.
  • Escludibilità nel consumo – una volta che il bene è prodotto, è possibile impedirne la fruizione ai soggetti che non hanno pagato per averlo.
EsclusiviNon esclusivi
RivaliBeni privati
cibo, vestiti, automobili
Beni comuni
pesce, legno, carbone
Non-rivaliBeni di “club”
cinema, parcheggi privati, televisione via satellite
Beni pubblici
televisione pubblica, illuminazione pubblica, aria, difesa nazionale

La tabella di Wikipedia ci aiuta invece a capire che l’energia solare è a tutti gli effetti un bene pubblico¹: se ho i mezzi per raccoglierla non è nè rivale nè escludibile. Non trattandosi di una cosa – fatta di atomi pesanti – nessuno potrà impedirmi di godere della luce e usare i miei panelli per avere elettricità. Non c’è nessun Mr. Burns capace di oscurare il sole e privare Springfield della sua luce. L’energia solare è dunque l’unica che permette, a costi affrontabili e sempre più bassi, di avere una generazione di energia decentrata e distribuita, a livello di singola famiglia.

Senza contare che la quantità di energia solare che finisce sulla terra è qualcosa di incredibile:

Global_energy_potential_perez_2009_en.svg

Per citare Elon Musk, dallo straordinario articolo di WaitButWhy di qualche anno fa:

“[noi abbiamo] questo comodo reattore a fusione nucleare nel cielo, e non devi fare niente — funziona, si presenta ogni giorno sopra di te, e produce assurda quantità di energia”.

L’idea di essere meno dipendenti dagli Emirati Arabi o dalla Russia è un ottimo incentivo politico per una spinta “da destra” (o sovranista) alla transizione energetica, anche se mi pare che non sia amata da nessun grosso partito conservatore, né in USA né in Europa.

La transizione energetica, quella in cui elettrifichiamo tutto – trasporti, riscaldamento, macchine industriali – e iniziamo a pulire la rete elettrica con la generazione fotovoltaica è dunque la necessaria via per affrontare seriamente il risaldamento globale.

Basterebbe per salvarci? Non so, magari no, ma ci si avvicina pericolosamente. Detta in altro modo, è una soluzione necessaria, ma non (forse) sufficiente. Ma se una soluzione al climate change esiste, non può che passare di qui.

Note

  1. Spesso in Italia, quando qualcosa è pubblico (l’aria, l’acqua, le foreste, le biblioteche) amiamo dire che è un bene comune. In questo momento preferisco usare le suddivisione offerta da Wikipedia (credo sia una nomenclatura economica classica) perché i concetti di rivalità ed escludibilità chiariscono meglio.