Inglese, cibernetica e fantasmi

E’ qualche tempo che penso spesso all’importanza di avere per lingua madre una lingua rilevante, una lingua che possieda una propria letteratura, anche e soprattutto un letteratura scientifica, accademica. I madrelingua inglese, tanto per fare un esempio topico: non devono sforzarsi a parlare una lingua non loro, sono gli altri che si adeguano al loroContinua a leggere “Inglese, cibernetica e fantasmi”

Visione

Guarda a tutt’occhi, guarda. Jules Verne D’inverno penso che gli alberi, con le loro grinfie, trattengano il cielo dal volare via da noi. E’ un pensiero inquietante. Non mi succede d’estate, quando non ci sono geometrie di ghisa a suddividere l’azzurro, ma soltanto innumerevoli particelle di verde che vibrano e ondeggiano, polmoni estroflessi al sole,Continua a leggere “Visione”

Pretty geeky things

Ieri sera, in pieno stato di berserk digitale, sono riuscito a: inserire il logo nel mio wiki installare Freemind e Wiki2LaTeX importare centinaia di pagina da Wikipedia aumentare la soglia di upload ascoltare 8 volte quel capolavoro di Mr.Beast Il tutto finendo … alle 4.20. Quando si dice essere nerd, davvero, con convinzione. PS: perContinua a leggere “Pretty geeky things”

Rivoluzionarie modalità di comunicazione

Si lo so, sono pigro. I buoni propositi di scrivere il blog sono un po’ andati a ramengo, continuo a rimandare e rimandare i post. Ad ogni modo, ci sarà una modalità di comunicazione migliore, rivoluzionaria: comunicazione one-to-one, 3D, user-experience senza precedenti. Dall’8 al 17 ottobre torno a casa, ci si vede lì :-P PS:Continua a leggere “Rivoluzionarie modalità di comunicazione”