Abbiamo anche il vino dell’Università.

So che, da solo, non significa nulla, che è la solita generalizzazione e piagnisteo e blablabla,
ma ieri, dopo una abbuffata aggratis in università,
con gli studenti internazionali ed il rettore,
sono uscito a bere qualcosa con alcuni professori ed il suddetto rettore, che parla 20 lingue, e abbiamo parlato in italiano, bevuto Chianti e tequila sunrise, infamato Berlusconi,
e siamo usciti, ancora, io, rettore, Juan e Mehrnoosh a bere birra al ristorante cinese, e Mehrnoosh era così contenta di parlare farsi con qualcuno, qui in Estonia, che non ci potete credere.

Il mal di testa di stamattina non era nè lieve nè simpatico,
ma io vi chiedo se voi lo avete mai visto, anche in foto, il vostro Magnifico Rettore.

Cara Italietta, dei Magnifici e Verticali Rettori, della paura del diverso, della violenta ignoranza, del potere e della superbia, delle competenze sprecate, della mediocrità imbelle, di Berlusconi che acquista consensi,
vaffanculo, di cuore.

4 pensieri su “Abbiamo anche il vino dell’Università.

  1. Capito qui per sbaglio, attratto dal titolo che mette assieme vino e università. Leggo e trovo i soliti banali insulti a Berlusconi. Ma non si doveva parlare di vino?
    Va bhe, sarà per la prossima volta!

    Mi piace

    1. Caro Val Tidone, non volevo trarti in inganno.
      La Tallinn University ha davvero del vino, nel senso che si fa spedire del vino bianco e rosso dal Cile, da usare durante convegni, reception, buffet e quant’altro.
      Ve ne sono di 3 qualità (sempre bianco e rosso): per gli studenti, i professori ed il Rettore. Io, ahimè, ho assaggiato soltanto quello degli studenti (chiamato “Sudor studiosorum”, mentre i professori hanno le “Lacrime” e il Rettore il “Sangue”). L’idea è piuttosto carina e funziona molto bene per le pubbliche relazioni (anche se effettivamente non so quanti soldi ci spendano…).

      Per le banalità, bhè, mi sembra che il post non fosse tutto contro Berlusconi, ma contro una mentalità, una cultura, se vuoi, che effettivamente mi ha rotto le balle. Si può non essere d’accordo, ci mancherebbe, ma sinceramente io non ci vedo benefici.

      Se trovo maggiori informazioni sul vino, faccio sapere.

      Mi piace

  2. Invidiaaa!

    Io il Magnifico della mia Università non so nemmeno come si chiami (cough, coguh).
    C’è da dire però che Tallinn è piccina e probabilmente il Rettore di lì è anche in gamba.
    Da noi penso che se lo magnerebbero innaffiato di Chianti.

    Mi piace

  3. Oh andre, attento che quando torni la polizia postale ti scova, e sarai costretto ad andare in tribunale vestito con una minigonna improponibile e a cantare la sigla di buona domenica!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...