Energia solare significa meno guerre per il petrolio

Uno degli aspetti meno dibattuti – incredibilmente – dell’energia solare è quanto sarebbe importante e rivoluzionaria per l’economia e geopolitica mondiale. Negli ultimi 80 anni abbiamo visto affermarsi un’economia completamente basata sui combustibili fossili, con il dominio incontrastato del Medioriente arabo per il petrolio e la Russia per il gas. L’America ha estratto il proprio petrolio e si è andata pure a prendere quello che gli serviva qua e là, senza disdegnare guerre ventennali a cui tutti oramai siamo abituati. Il numero di morti dell’attuale economia petrolifera è dunque incalcolabile: non solo perché è impossible determinare precisamente quanti morti fa l’inquinamento, o quanti ne farà il riscaldamento globale, ma perché se contiamo anche le guerre (e dovremmo) il numero si alza vertiginosamente.

Il petrolio è una risorsa scarsa, per cui se non ce l’hai lo devi prendere da qualcun altro. Guardando alla definizione presente su Wikipedia, credo si possa ritenere il petrolio a tutti gli effetti come un bene privato, perché il costo della sua estrazione e trasformazione lo rendono sia rivale che escludibile:

  • Rivalità nel consumo – il consumo di un bene da parte di un individuo implica l’impossibilità per un altro individuo di consumarlo allo stesso tempo.
  • Escludibilità nel consumo – una volta che il bene è prodotto, è possibile impedirne la fruizione ai soggetti che non hanno pagato per averlo.
EsclusiviNon esclusivi
RivaliBeni privati
cibo, vestiti, automobili
Beni comuni
pesce, legno, carbone
Non-rivaliBeni di “club”
cinema, parcheggi privati, televisione via satellite
Beni pubblici
televisione pubblica, illuminazione pubblica, aria, difesa nazionale

La tabella di Wikipedia ci aiuta invece a capire che l’energia solare è a tutti gli effetti un bene pubblico¹: se ho i mezzi per raccoglierla non è nè rivale nè escludibile. Non trattandosi di una cosa – fatta di atomi pesanti – nessuno potrà impedirmi di godere della luce e usare i miei panelli per avere elettricità. Non c’è nessun Mr. Burns capace di oscurare il sole e privare Springfield della sua luce. L’energia solare è dunque l’unica che permette, a costi affrontabili e sempre più bassi, di avere una generazione di energia decentrata e distribuita, a livello di singola famiglia.

Senza contare che la quantità di energia solare che finisce sulla terra è qualcosa di incredibile:

Global_energy_potential_perez_2009_en.svg

Per citare Elon Musk, dallo straordinario articolo di WaitButWhy di qualche anno fa:

“[noi abbiamo] questo comodo reattore a fusione nucleare nel cielo, e non devi fare niente — funziona, si presenta ogni giorno sopra di te, e produce assurda quantità di energia”.

L’idea di essere meno dipendenti dagli Emirati Arabi o dalla Russia è un ottimo incentivo politico per una spinta “da destra” (o sovranista) alla transizione energetica, anche se mi pare che non sia amata da nessun grosso partito conservatore, né in USA né in Europa.

La transizione energetica, quella in cui elettrifichiamo tutto – trasporti, riscaldamento, macchine industriali – e iniziamo a pulire la rete elettrica con la generazione fotovoltaica è dunque la necessaria via per affrontare seriamente il risaldamento globale.

Basterebbe per salvarci? Non so, magari no, ma ci si avvicina pericolosamente. Detta in altro modo, è una soluzione necessaria, ma non (forse) sufficiente. Ma se una soluzione al climate change esiste, non può che passare di qui.

Note

  1. Spesso in Italia, quando qualcosa è pubblico (l’aria, l’acqua, le foreste, le biblioteche) amiamo dire che è un bene comune. In questo momento preferisco usare le suddivisione offerta da Wikipedia (credo sia una nomenclatura economica classica) perché i concetti di rivalità ed escludibilità chiariscono meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...