Questo blog non esiste

Esperimenti autoreferenziali di pensiero ortogonale

Categoria: Open Access

Open Access Week 2013

Anche quest’anno, da ieri, c’è l’Open Access Week, settimana internazionale dedicata all’accesso aperto alla letteratura scientifica (che per chi se lo chiedesse, è poi l’ambito dove lavoro io). Dato che ogni tanto ne parlo anche qui, e dato che le cose da sapere secondo me le ho già dette, faccio semplicemente un elenco (in ordine) delle cose da leggere:

Se vi interessa la conversazione attorno Open Access e Wikipedia, potete iscrivervi a questa mailing list  (e anche a questa).

Fra i libri, il più completo è sicuramente , di Peter Suber (in inglese). Ma io adoro anche Open Access. Contro gli oligopoli nel saperetradotto da Francesca Di Donato, e disponibile gratuitamente online. Un’altro splendido libro, sempre in inglese, è Reinventing Discovery, di Michael Nielsen, più concentrato sul concetto di open science e citizen science, ma molto bello e  importante (ne parlo un po’ qui).

Sabato, nell’ambito della Bibliohackathon che faremo alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, ci sarà una piccola maratona wiki dedicata all’Open Access: cioè, ci metteremo lì tutti insieme a migliorare le voci. Se vuoi partecipare, vieni a discuterne qui (e segnati!).

Invest in toothpicks

There’s a lot of talk, here and elsewhere, about how Internet collaboration is going to revolutionize business and politics. Just add some Internet collaboration, they say, and your business will suddenly start working better and smarter—and cheaper, as well. But the Internet is not this magic pixie dust you can sprinkle on anything. In the States, the back of every ketchup bottle now has a notice explaining that you can now create your own advertisements for the ketchup company. In return, well, in return they might use your ad. This is magic pixie dust thinking at work: people are not going to suddenly start designing your ad campaigns for you just because you asked them to.

We have to remember that these things are done by real people, not magical abstractions. The rhetoric often suggests that some magical force of “peer production” or “mass collaboration” has written an encyclopedia or created a video library. Such forces do not exist; instead there are only individual people, the same kind of people who drive everything else.

The power is that these people are collaborating. But they are collaborating because they have come together to form a community. And a community works because it has shared values. But here’s the thing: these shared values are profoundly anti-business. [Laughs from the audience.] I mean, look at Wikipedia. This is a group who wakes up every day and tries to put the encyclopedia publishers out of business by providing a collection of world knowledge they can give away to everyone for free.

If you want someone to do your company’s work for you, finding a well-organized online community with strong anti-business values seems like a bad idea. [Laughs.]

So what do you do? I have a friend who is even more brash than I am and when anyone asks her for business advice she tells them simply: Well, in the future, your servants are going to rise up and eat you. So, invest in toothpicks.

Aaron Swartz, Banff, 6 marzo 2008.

Rassegna stampa wiki

Usciti oggi:

Open Access, by Peter Suber

Imagine a tribe of authors who write serious and useful work, and who follow a centuries-old custom of giving it away without charge. I don’t mean a group of rich authors who don’t need money. I mean a group of authors defined by their topics, genres, purposes, incentives, and institutional circumstances, not by their wealth. In fact, very few are wealthy. For now, it doesn’t matter who these authors are, how rare they are, what they write, or why they follow this peculiar custom. It’s enough to know that their employers pay them salaries, freeing them to give away their work, that they write for impact rather than money, and that they score career points when they make the kind of impact they hoped to make. Suppose that selling their work would actually harm their interests by shrinking their audience, reducing their impact, and distorting their professional goals by steering them toward popular topics and away from the specialized questions on which they are experts.

If authors like that exist, at least they should take advantage of the access revolution. The dream of global free access can be a reality for them, even if most other authors hope to earn royalties and feel obliged to sit out this particular revolution.

These lucky authors are scholars, and the works they customarily write and publish without payment are peer-reviewed articles in scholarly journals. Open access is the name of the revolutionary kind of access these authors, unencumbered by a motive of financial gain, are free to provide to their readers.

Open access (OA) literature is digital, online, free of charge, and free of most copyright and licensing restrictions.

Open Access, il libro di Peter Suber, è finalmente online, gratis. Fossi in voi lo leggerei.

Il sapere liberato, Pisa, 21/3/2013

Ieri sono stato alla Normale di Pisa, invitato dal Forum degli Allievi, per un bell’incontro dedicato all’Open Access. Hanno parlato anche Maria Chiara Pievatolo e Francesca di Donato, a mio umilissimo parere due delle migliori voci dell’accesso aperto in Italia. Felice di aver parlato fra cotanto senno.
Ho nominato un paio di cose, fra libri e siti, li metto qui sotto. Ovviamente, sono tutti approfondimenti consigliati.

Larry, Aaron

Se c’è una persona che volevamo prendesse su di sè il fardello dell’eredità di Aaron Swartz, questa è Larry Lessig.
Lessig (per chi non lo sapesse) è stato il creatore delle licenze Creative Commons, uno degli eroi di quest’era digitale. E’ stato mentore, amico, discepolo di Aaron, e forse uno di quelli che di più ha subito il colpo del suo suicidio. La lezione che vedete qui sotto (dedicata al caso di Aaron, ma non solo) è uno straordinario esempio di intelligenza e cuore. Si vede un Lessig letteralmente fiaccato dal dolore (personale, comunitario), per la perdita di una persona importante. Ma che reagisce nell’unico modo sensato, cioè con la testa e con il cuore: cercando di capire cause, meccasmi e conseguenze,  e cercando di elaborare soluzioni, senza speranza ma anche senza paura. E’ un video di un’ora e quaranta (un’ora e venti senza domande), in inglese, difficile, ma credo valga la pena ogni momento. Anche le domande finali, in cui Larry quasi si mette a piangere, lasciandosi andare a fondo, in apnea, discendendo alle ragioni ultime per cui facciamo le cose, con una lucidità straordinaria e commovente. Qui c’è anche la trascrizione, con tanto di slides e domande finali. (Secondo me si piange, io ve lo dico).

So why do I spend all of my time working on this issue? [audience laughter] So this is a story I’ve told a bunch of times. Let me just tell it one last time, and then… So, I write about this in my book. I was speaking at Dartmouth. A woman said to me, “Professor, you’ve convinced me. You’ve convinced me. This is completely hopeless. There’s nothing we can do.” And as I wrote in my book, when she said that, I had an image in my head of my kid, who then was about 6. And I thought, what if a doctor came to me and said, “Your son has terminal brain cancer and there’s nothing you can do.” Would I do nothing? You know, obviously no. You’d do everything. You’d do everything. You know, and that is what love means. Right? That’s what love means. It means working, acting fiercely against the odds. And then my next thought was, you know, even we liberals love our country. [audience laughter] And so this observation of the impossibility of this challenge is irrelevant, because we love. And we love means we act regardless of how impossible this is. But because of this – and that is, I think, the – that is the emotion that we need to find here. And for me, it really is deeply tied up with love, not just a country of us, kids, you look at these kids, three of them, in my life, handing over a world that is miles below the world that I inherited from my parents. And no hope for fixing this until we fix this problem. So, yeah, it’s hopeless. It’s just the only fight we have. Only fight we have.

Fact checking e bibliografia

Ieri sono stato intervistato da Radio 3 Scienza (un onore, davvero) su Aaron Swartz e l’Open Access. Dura una quindicina di minuti, si ascolta qui.

Faccio un po’ di fact checking e fornisco un paio di link alle cose che ho detto ieri:

  • David Weinberger, fellow al Berkman Center for Internet and Society dell’Harvard Law School,  ha detto “Aaron was not a hacker. He was a builder” (source)
  • la citazione iniziale è di Derek Bok, ex rettore (in inglese “president“) di Harvard. L’originale è “If you think education is expensive, try ignorance” (source).
  • Il libro di Jean-Claude Guédon che ho citato è Open Access. Contro gli oligopoli del sapere, tradotto da Francesca di DonatoSi scarica gratuitamente qui. Leggetelo perchè è bello.
  • Aaron Swartz ha scaricato 4 milioni di documenti da JSTOR, una biblioteca digitale no profit,  ma non del MIT. Le notizie che si trovano in giro non sono sempre coerenti, il processo è ancora in corso, ma la descrizione più chiara e semplice di quello che è successo (con tante note e fonti) è quella di Wikipedia.
  • ho provato a spiegare (male) come funziona il mondo della letteratura accademica qualche giorno fa, qui.

Spero di non aver dimenticato niente (se invece si, sotto, nei commenti, grazie).

Piccola guida pratica all’Open Access

[ho scritto questo per l'università di Bologna (se siete dell'università, condividete), ma è facilmente adattabile. C'è anche questo post di Jonathan Eisen, che dice varie cose importanti. Magari leggi prima quello.]

Ieri ho scritto una spiegazione breve e semplicistica di cosa sia l’open access, cioè l’accesso aperto alla letteratura scientifica. Dato che è una cosa un po’ di nicchia, e si confonde con un generico postare link a robe su internet, provo a riassumere in 4 punti cosa devi fare se vuoi supportare l’open access nel tuo ruolo, in università.

La prima cosa da fare, chiunque tu sia (ricercatore, professore, studente), è informarsi presso la tua università sui servizi di deposito e pubblicazione digitale. Puoi chiedere ai professori o ai bibliotecari. I servizi solitamente riguardano gli archivi digitali (materiali didattici, tesi, dissertazioni, articoli) e le riviste open access.

Se sei un dottorando, quando depositi la tua tesi, scegli sempre l’accesso più libero. Se vuoi per forza mettere un periodo di chiusura (il cosiddetto embargo), sceglilo di 6 mesi o un anno, per darti il tempo di pubblicare un articolo. Ma poi rendila  disponibile a tutti.

Se sei un ricercatore o un professore, puoi distribuire i tuoi materiali didattici ad accesso libero, anche con una licenza Creative Commons. Spesso sono slides che possono interessare anche altre persone (anche fuori dall’università): non ci sono molte ragioni per impedirglielo. Quindi non farlo.
Puoi depositare online tutti i tuoi manoscritti ed articoli su l’archivio istituzionale della tua università (se c’è), o anche su un archivio tematico. Puoi cercarli qui, ce ne sono migliaia.
Puoi anche leggere e pubblicare su una rivista peer reviewed ad accesso libero. Puoi cercarli qui, ce ne sono migliaia.

Se invece sei un semplice studente, passa ai tuoi professori e colleghi i consigli qui sopra, chiedigli come funziona la pubblicazione scientifica, chiedigli dell’open access, e informati. Quando arriverà il momento in cui anche tu potrai contribuire alla comunità scientifica, saprai come e perchè devi farlo in Open Access.

How to exploit academics

I have an ingenious idea for a company. My company will be in the business of selling computer games. But, unlike other computer game companies, mine will never have to hire a single programmer, game designer, or graphic artist. Instead I’ll simply find people who know how to make games, and ask them to donate their games to me. Naturally, anyone generous enough to donate a game will immediately relinquish all further rights to it. From then on, I alone will be the copyright-holder, distributor, and collector of royalties. This is not to say, however, that I’ll provide no “value-added.” My company will be the one that packages the games in 25-cent cardboard boxes, then resells the boxes for up to $300 apiece. But why would developers donate their games to me? Because they’ll need my seal of approval. I’ll convince developers that, if a game isn’t distributed by my company, then the game doesn’t “count”—indeed, barely even exists—and all their labor on it has been in vain.
Admittedly, for the scheme to work, my seal of approval will have to mean something. So before putting it on a game, I’ll first send the game out to a team of experts who will test it, debug it, and recommend changes. But will I pay the experts for that service? Not at all: as the final cherry atop my chutzpah sundae, I’ll tell the experts that it’s their professional duty to evaluate, test, and debug my games for free!
On reflection, perhaps no game developer would be gullible enough to fall for my scheme. I need a community that has a higher tolerance for the ridiculous—a community that, even after my operation is unmasked, will study it and hold meetings, but not “rush to judgment” by dissociating itself from me. But who on Earth could possibly be so paralyzed by indecision, so averse to change, so immune to common sense?
I’ve got it: academics!

(from Scott Aaronson, Review of “The Access Principle” by John Willinsky, MIT Press, 2005).

Che cos’è l’Open Access

[l'articolo è parziale, incompleto, incongruente, scritto male. Ma mi importava scriverlo e l'ho fatto. Feedback e critiche nei commenti, poi aggiorno. Aggiornato il 6 gennaio 2014.]

L’open access è un movimento che vuole dare accesso aperto alla conoscenza, e nello specifico alla letteratura scientifica. Sono tanti i nomi che si danno a questi “movimenti dell’open” (open knowledge, open science, open data), e in generale tutti vogliono più apertura e trasparenza, declinate in ambiti specifici (ad esempio pubbliche amministrazioni, università, dati scientifici).

L’open access si focalizza su un sistema molto particolare, che è appunto il mondo della letteratura scientifica e accademica: un mondo fatto prevalentemente di ricercatori, che studiano, ricercano e pubblicano i propri risultati in articoli scientifici, in riviste del proprio settore. Le varie riviste hanno reputazioni molto diverse: ci sono quelle autorevoli e quelle meno (pubblicare su Nature è diverso che pubblicare su Focus, ecco). Questo perchè ogni articolo, nel mondo scientifico e accademico, deve passare attraverso il filtro della peer review, la revisione dei propri pari: (teoricamente) gli scienziati si valutano a vicenda, controllano i risultati, fanno le pulci alle metodologie. Ciò che passa rimane, si aggiunge al corpus scientifico, crea il trampolino da cui poi partono gli altri. Insomma, si costruiscono i giganti su cui ci arrampichiamo noi nani.

Qual è il punto? Perchè l’open access? Cosa non va?

Bhè, il punto è noioso. Il punto è che il nostro modo attuale di pubblicare la ricerca ha molti problemi, soprattuto economici. Le riviste sono in mano a pochissimi editori, che tengono i prezzi alti con altissimi margini di profitto. A poter accedere agli articoli sono dunque gli studenti/dottorandi/ricercatori delle università (più o meno ricche), perchè sono le università, tramite le loro biblioteche, a comprare gli abbonamenti a quelle riviste. Se sei fuori dall’università, per un singolo articolo (un PDF di 20 pagine che potrebbe anche rivelarsi non utile alla tua ricerca) puoi pagare anche 30 euro (a PDF)(rileggi, 30 euro)(a PDF).

Sono decenni che le biblioteche che vedono tagliare i propri budget, sono decenni che le riviste che vedono i loro prezzi moltiplicarsi. La questione è serissima, perchè alcune biblioteche (parliamo anche di Harvard, non dell’Università di Camerino) dicono che non riusciranno per molto a garantire questi abbonamenti (che costano di centinaia di migliaia di euro), quindi i loro studenti non avranno accesso alla ricerca scientifica prodotta nel mondo, quindi non riusciranno a lavorare e fare ricerca loro stessi. Il nano senza gigante non sa dove arrampicarsi e non vede nulla. Questa situazione va avanti da anni e tutti sono concordi nell’affermare che il problema esiste davvero.

Allora cosa propone l’open access?

L’open access vuole essere la soluzione a questo problema, e propone una rivoluzione sostanziale con due strategie principali:

  • pubblicare i propri articoli e risultati in appositi archivi aperti: questa viene chiamata via verde
  • creare apposite riviste peer reviewed ad accesso aperto: questa viene chiamata via d’oro

Gli archivi dove pubblicare i propri articoli e risultati possono essere istituzionali (cioè facenti capo ad un’istituzione, come un’università) o tematici (afferenti ad un determinato settore, come per esempio arXiv lo è per la fisica). Le riviste open access invece seguono il sistema tradizionale di pubblicazione e revisione fra pari, solo che poi rilasciano i loro articoli gratuitamente, per tutti. Cioè invece che pubblicare e far leggere i propri articoli soltanto a studenti di un’università che ha pagato l’abbonamento, sono semplici siti web che permettono a chiunque di leggere e scaricare il PDF. Fare una rivista costa, ma ci sono modelli di business diversi che si stanno affermando, e quindi non è necessario far pagare al lettore (che è quello che succede con il modello tradizionale: in Italia, gli abbonamenti vengono pagati dalle biblioteche, cioè dalle Università, cioè con le tasse).

Queste strategie puntano a ribaltare il sistema corrente, assumendo implicitamente un postulato fondamentale: la letteratura scientifica (cioè la ricerca, cioè la scienza, cioè la conoscenza) è un commons, un bene comune. Non puoi mettere dei paletti alla conoscenza, l’informazione (soprattutto quella accademica e scientifica, filtrata e valutata, pagata coi soldi pubblici) deve essere libera, perchè se è libera è meglio, per tutti.

Ed essendo la conoscenza libera è giusto che venga trattata in maniera diversa, perchè questa è un'”economia dell’abbondanza”, non della scarsità: è importante quindi che i modelli economici siano diversi, perchè nessuno si sognerebbe di trattare allo stesso modo risorse diverse come l’educazione e il petrolio. Che è invece quello che stiamo facendo.

Il sistema è malato in vari punti e a vari livelli (economico, etico, sociale), la questione è complessa, davvero c’è una letteratura sterminata, là fuori, su questo. Ci sono ottime ragioni per tentare di cambiare il sistema corrente. E ce la possiamo fare.

Davvero? Perchè?

Perchè quello della letteratura scientifica è un settore particolare. Perchè, riconoscendo che la scienza/conoscenza è di tutti, siamo d’accordo sui valori: e allora è, solo, un discorso di modelli economici. Non è moltissimo, ma è più di quanto sembri.

E c’è un punto fondamentale:

  • i soldi, in questo sistema, vengono usati solo per pagare la ricerca, gli stipendi e per comprare gli abbonamenti delle riviste. I ricercatori non vengono pagati per pubblicare (cioè, si, ma figura nello stipendio), nè per fare la revisione dei colleghi. Sono cose che fanno gratuitamente, perchè fa parte del loro lavoro, di come migliorano la propria reputazione accademica.
  • gli “attori economici” della “filiera produttiva” della ricerca sono sempre gli stessi, e ciò i ricercatori.
    • sono i ricercatori che scrivono gli articoli, che fanno ricerca. E’ la loro funzione e sono pagati dall’università (cioè dalle tasse, cioè da noi)
    • sono  i ricercatori che si fanno peer review a vicenda, cioè valutano e filtrano la ricerca scientifica degli altri, e lo fanno gratis
    • sono i ricercatori l’utente finale della ricerca: sono loro a leggerla e studiarla, quindi loro a comprarla (con i soldi delle biblioteche, cioè dell’università, cioè delle tasse, cioè da noi).

I ricercatori, dunque, sono i produttori, i revisori e gli utenti finali della ricerca scientifica.

In sostanza, la ricerca viene pagata due volte: a monte (pagando gli stipendi ai ricercatori), e a valle (pagando le riviste su cui i ricercatori pubblicano).
Ah, i ricercatori spesso devono pagare per dover pubblicare (anche migliaia di euro ad articolo).
E danno via tutti i loro diritti (alle case editrici). E non ci guadagnano un centesimo.

E le case editrici? Le case editrici sono un intermediario (più o meno importante): loro fondano le riviste, le organizzano e coordinano la peer review, impaginano, distribuiscono, vendono. Ma non producono nè revisionano. Non ne ho parlato qui sopra perchè nel processo produttivo non ci sono: il loro lavoro di coordinamento è importantissimo, ma non giustifica i loro enormi profitti (che arrivano al 40% di margini di guadagno). Senza i ricercatori sono meno che niente.

Ma scusa, ma perchè i ricercatori stanno al gioco?

Intanto perchè è lo status quo, ci sono abituati, è così da tempo. Poi perchè i ricercatori sanno poco e nulla di quanto paga la loro biblioteca per avere accesso alle riviste: questo è anche un problema dei bibliotecari, e di comunicazione. Poi c’è quella cosa del publish or perish: devono pubblicare o morire, ne va della loro carriera accademica, le cose funzionano così. Il ricercatore deve fare ricerca e pubblicare il più possibile, nelle riviste più prestigiose, che ovviamente sono tutte ad accesso chiuso, araldi del sistema tradizionale. Il cane si morde la coda.

Perchè a loro, davvero, non interessa farci i soldi. A loro interessa far “carriera”, che significa avere borse di ricerca, pagare le bollette, avere finanziamenti per un altro anno di ricerca, magari diventare professori. E’ questa la reputazione accademica, la vera valuta all’interno del mondo accademico.

Ricapitolando; per far carriera accademica bisogna far vedere che si vale, cioè bisogna pubblicare tanto e bene, su riviste importanti. Le riviste importanti sono tutte delle case editrici di cui abbiamo parlato. E’ il publish or perish, pubblicare o morire. Il sistema attuale riesce così a far leva sui giovani ricercatori, quelli che hanno più bisogno di reputazione: anche chi vorrebbe pubblicare in open access a volte è costretto a scegliere.

Non ci credo

Lo so, non ci si crede. E non credete a me: fatevi un giro qui, andate su Wikipedia (quella inglese, o quella in italiano), informatevi. Ecco una bella lista di libri sull’argomento:

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.112 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: